C’era una volta una nave con 500 passeggeri

C’era una volta una nave con 500 passeggeri (personale compreso) che fece naufragio e tutti i passeggeri trovarono rifugio in un’isola deserta nella quale abitava il fantasma con la Honda nera. La sera stessa si presentò il fantasma e disse: “Sono il fantasma nero, con i capelli neri, con la testa nera, con gli occhi neri, con le sovracciglie nere, con il naso nero, con la bocca nera, con le guance nere, con i denti neri, con la lingua nera, con il palato nero, con le labbra nere, con il mento nero, con la barba nera, con il collo nero, con la nuca nera, con il petto nero, con il dorso nero, con le spalle nere, con la pancia nera, con il cazzo nero, con il culo nero, con le gambe nere, con i piedi neri, con le unghie nere, con le braccia nere, con le mani nere, con il cappello nero, con la biancheria intima nera, con i calzini neri, con i pantaloni neri, con la camicia nera, con la maglia nera, con il cappotto nero, con le scarpe nere, con la casa nera, con i muri neri, con il salone nero, con la camera da letto nera, con il bagno nero, con la cucina nera, con il corridoio nero, con il letto nero, con le lenzuola nere, con le coperte nere, con il comodino nero, con lo specchio nero, con la Honda nera. Oggi mangio i primi 100 di voi”. Così ne rimasero 400. La sera dopo il fantasma con la Honda nera si presentò di nuovo davanti a loro e disse: “Sono il fantasma nero, con i capelli neri, con la testa nera, con gli occhi neri, con le sovracciglie nere, con il naso nero, con la bocca nera, con le guance nere, con i denti neri, con la lingua nera, con il palato nero, con le labbra nere, con il mento nero, con la barba nera, con il collo nero, con la nuca nera, con il petto nero, con il dorso nero, con le spalle nere, con la pancia nera, con il cazzo nero, con il culo nero, con le gambe nere, con i piedi neri, con le unghie nere, con le braccia nere, con le mani nere, con il cappello nero, con la biancheria intima nera, con i calzini neri, con i pantaloni neri, con la camicia nera, con la maglia nera, con il cappotto nero, con le scarpe nere, con la casa nera, con i muri neri, con il salone nero, con la camera da letto nera, con il bagno nero, con la cucina nera, con il corridoio nero, con il letto nero, con le lenzuola nere, con le coperte nere, con il comodino nero, con lo specchio nero, con la Honda nera. Oggi ne mangio altri 100”. Così ne rimasero 300. La sera dopo il fantasma con la Honda nera si presentò di nuovo davanti a loro e disse: “Sono il fantasma nero, con i capelli neri, con la testa nera, con gli occhi neri, con le sovracciglie nere, con il naso nero, con la bocca nera, con le guance nere, con i denti neri, con la lingua nera, con il palato nero, con le labbra nere, con il mento nero, con la barba nera, con il collo nero, con la nuca nera, con il petto nero, con il dorso nero, con le spalle nere, con la pancia nera, con il cazzo nero, con il culo nero, con le gambe nere con i piedi neri, con le unghie nere, con le braccia nere, con le mani nere, con il cappello nero, con la biancheria intima nera, con i calzini neri, con i pantaloni neri, con la camicia nera, con la maglia nera, con il cappotto nero, con le scarpe nere, con la casa nera, con i muri neri, con il salone nero, con la camera da letto nera, con il bagno nero, con la cucina nera, con il corridoio nero, con il letto nero, con le lenzuola nere, con le coperte nere, con il comodino nero, con lo specchio nero, con la Honda nera. Oggi ne mangio altri 100”. Così ne rimasero 200. La sera dopo il fantasma con la Honda nera si presentò di nuovo davanti a loro e disse: “Sono il fantasma nero, con i capelli neri, con la testa nera, con gli occhi neri, con le sovracciglie nere, con il naso nero, con la bocca nera, con le guance nere, con i denti neri, con la lingua nera, con il palato nero, con le labbra nere, con il mento nero, con la barba nera, con il collo nero, con la nuca nera, con il petto nero, con il dorso nero, con le spalle nere, con la pancia nera, con il cazzo nero, con il culo nero, con le gambe nere con i piedi neri, con le unghie nere con le braccia nere, con le mani nere, con il cappello nero, con la biancheria intima nera, con i calzini neri, con i pantaloni neri, con la camicia nera, con la maglia nera, con il cappotto nero, con le scarpe nere, con la casa nera, con i muri neri, con il salone nero, con la camera da letto nera, con il bagno nero, con la cucina nera, con il corridoio nero, con il letto nero, con le lenzuola nere, con le coperte nere, con il comodino nero, con lo specchio nero, con la Honda nera. Oggi ne mangio altri 100”. Così ne rimasero 100. La sera dopo il fantasma con la Honda nera si presentò di nuovo davanti a loro e disse: “Sono il fantasma nero, con i capelli neri, con la testa nera, con gli occhi neri, con le sovracciglie nere, con il naso nero, con la bocca nera, con le guance nere, con i denti neri, con la lingua nera, con il palato nero, con le labbra nere, con il mento nero, con la barba nera, con il collo nero, con la nuca nera, con il petto nero, con il dorso nero, con le spalle nere, con la pancia nera, con il cazzo nero, con il culo nero, con le gambe nere, con i piedi neri, con le unghie nere, con le braccia nere, con le mani nere, con il cappello nero, con la biancheria intima nera, con i calzini neri, con i pantaloni neri, con la camicia nera, con la maglia nera, con il capotto nero, con le scarpe nere, con la casa nera, con i muri neri, con il salone nero, con la camera da letto nera, con il bagno nero, con la cucina nera, con i corridoio nero, con il letto nero, con le lenzuola nere, con le coperte nere, con il comodino nero, con lo specchio nero, con la Honda nera. Oggi ne mangio altri 50”. Così ne rimasero 50. La sera dopo il fantasma con la Honda nera si presentò di nuovo davanti a loro e disse: “Sono il fantasma nero, con i capelli neri, con la testa nera, con gli occhi neri, con le sovracciglie nere, con il naso nero, con la bocca nera, con le guance nere, con i denti neri, con la lingua nera, con il palato nero, con le labbra nere, con il mento nero, con la barba nera, con il collo nero, con la nuca nera, con il petto nero, con il dorso nero, con le spalle nere, con la pancia nera, con il cazzo nero, con il culo nero, con le gambe nere, con i piedi neri, con le unghie nere, con le braccia nere, con le mani nere, con il cappello nero, con la biancheria intima nera, con i calzini neri, con i pantaloni neri, con la camicia nera, con la maglia nera, con il cappotto nero, con le scarpe nere, con la casa nera, con i muri neri, con il salone nero, con la camera da letto nera, con il bagno nero, con la cucina nera, con il corridoio nero, con il letto nero, con le lenzuola nere, con le coperte nere, con il comodino nero, con lo specchio nero, con la Honda nera. Oggi ne mangio altri 49”. Così ne rimase solo uno, il Capitano. Il giorno dopo il Capitano era disperato. Sapeva che era arrivata la sua ora. Così decise di fare una camminata nell’isola per vedere il mondo per l’ultima volta. Mentre camminava trovò una moto Kawasaki piena di benzina. “Forse è la mia ultima speranza” pensò. Così ci salì sopra e si mise a correre. Il fantasma con la Honda nera lo inseguì, lo prese e se lo mangiò. Morale della favola? La Honda è più veloce della Kawasaki.