V o R

Una signora ha il vizio di pronunciare la lettera “v” al posto della erre. Un giorno va al mercato e dice: “Buongiovno, vovvei dei fiammifevi”. La commessa, distratta: “Diceva?”. E la signora: “No! Di legno!”.