Un affittuario, disperato

Un affittuario, disperato per le condizioni disastrose del proprio appartamento decide di chiamare il padrone di casa per fargli vedere come stanno le cose. Il proprietario entra dentro l’appartamento: “Allora… cosa ci sarebbe che non va?”. L’inquilino: “Cosa ci sarebbe??? Tutto!”. “Suvvia, adesso non stia ad esagerare! Questa casa ha solo dei piccoli difetti come hanno tutte le case!”. “Ah si’? Ne e’ sicuro? Venga un po’ in cucina…”. I due si dirigono nella cucina. L’inquilino fa al proprietario: “Guardi un po’ vicino al frigorifero in basso…”. “Beh, un piccolo buco nel muro…”. “Si’, ma non e’ solo un piccolo buco… stia a vedere…”. Detto cio’, prende un pezzo di pane e lo butta davanti al buco. In una frazione di secondo esce un topo gigantesco che se lo porta via. Il proprietario esterrefatto: “Accidenti che topo!”. “E questo non e’ niente…”. Prende piu’ pezzi di pane e li butta davanti al buco. Escono cosi’ tre o quattro bei toponi. “Ma sono piu’ di uno!”. “Certo… non si contano! Ma non e’ finita…”. L’inquilino prende un altro pezzo di pane e lo ributta davanti al buco. Questa volta esce una grossa anguilla che afferra il boccone e rientra nel buco. Il padrone di casa: “Oh mio Dio, questa volta era una anguilla!”. “Dell’umidita’ nelle pareti ne parliamo dopo…”