Safari. Il grande cacciatore tornato dall’Africa

Safari. Il grande cacciatore tornato dall’Africa racconta le sue avventure agli amici al bar: “Beh, eravamo in due nella savana e quando abbiamo visto il leone uscire abbiamo puntato tutti e due, ma il fucile mio ha fatto cilecca e quello davanti a me lo ha sbagliato. Allora il leone gli e’ saltato addosso sbranandolo. Io tentavo di ricaricare, ma mi tremavano le mani e mi sono cadute tutte le pallottole per terra. Faccio per raccoglierle e il leone si accorge di me. Prima che si decida di aggredirmi mi arrampico sul ramo piu’ basso di un enorme baobab e il leone di sotto che saltava per prendermi e con le unghie mi toccava i pantaloni. E io mi tiravo un po’ su, ma quando scivolavo giu’, zac, lui tentava di unghiarmi e io mi sollevavo. Appena scivolavo, zac, lui saltava per prendermi con le unghie. Be’ insomma ragazzi, non ho vergogna a dirvelo: mi sono cacato addosso!”. “Si’, ci rendiamo conto, in quelle circostanze, chiunque…”. “Ma che avete capito? Mi sono cacato addosso adesso, mentre ve la raccontavo!”