Scuola

Barzellette sulla scuola, ridere sugli insegnanti, alunni e sulle strutture scolastiche. Battute sull’Istruzione e le scuole primarie, secondarie ed universitarie (paritarie, private, pubbliche, ecc…).

Nota in classe

Nota in classe: “L’alunno G.B. e’ entrato in classe alla seconda ora con in mano un pentolone di cotechino e lenticchie dicendo di aver preparato il cenone di Capodanno per tutti, pur sapendo anche lui di essere nel mese di maggio. Chiedo immediata sospensione”.

Scuola

Il maestro fa agli alunni

Il maestro fa agli alunni: “Bambini questo il compito per casa, scrivete: “Il mio maestro prende 750 euro al mese di stipendio, sapendo che, spende 350 euro per la casa, 300 euro per mangiare, 100 euro per spese varie e divertimenti. Domanda: Come si può fare per essere promossi?” – Fatevi aiutare anche dai genitori!

Scuola

Il maestro in classe

Il maestro in classe: “Carlotta, secondo te quanti anni ho ?” “Circa 40 signor maestro” risponde la bambina. “Mi dispiace è una risposta un po’ troppo imprecisa. E secondo te Francesco?”. “32 signor maestro” ribatte Francesco. “Sbagliato. E tu Pierino, quanti me ne dai?”. Pierino: “36 signor maestro”. “Bravo Pierino…ma…come hai fatto?!” replica il maestro. “Mbè, sa come è….ho un cugino di 18 anni che è… mezzo stronzo!”.

Scuola

La maestra sta chiedendo a tutti i suoi alunni

La maestra sta chiedendo a tutti i suoi alunni la professione dei genitori. Dopo aver interrogato gli altri arriva a Pierino che dice: “La mia mamma fa la sostituta”. E la maestra: “Bene, Pierino, e cioe’?”. Pierino: “La mamma si veste tutta elegante e sexy, esce e passeggia lungo i viali e quando si ferma una macchina…”. “Ma, Pierino, questo vuol dire che la tua mamma fa la prostituta, non la sostituta!”. E Pierino: No, no, signora maestra! La prostituta e’ mia sorella e la mamma, solo quando mia sorella non puo’, la sostituisce!”.

Scuola

A scuola la maestra

A scuola la maestra: “Pierino, dimmi una parola che inizi con la g”. Pierino: “Oggi”. La maestra: “Ma che dici?”. Pierino: “Si’, perche’ oggi e’ giovedì”.

Scuola