Caro Babbo Natale, sarai certo stupito nel leggere

Caro Babbo Natale, sarai certo stupito nel leggere questa letterina oggi, il 26 dicembre. Be’, volevo solo chiarire certe cose che sono successe da quando, un mese fa, ti avevo scritto la letterina. Ti avevo chiesto una bici, un trenino elettrico, un paio di rollerblade e la maglietta di Totti. Ho studiato tantissimo quest’anno, non ero solo il primo della classe, ma il migliore della scuola. E, se devo essere sincero, nessuno si e’ comportato meglio di me in tutto il quartiere, ne’ mia mamma, ne’ mio papa’, ne’ i miei fratelli. Sono sempre stato buono e gentile con tutti. Cosi’ ora mi chiedo: perché diavolo mi hai portato uno yo-yo, un fischietto e un paio di calzini? Che cazzo pensi, grasso figlio di mignotta, che sono stato buono tutto l’anno solo per queste minchiatine?? E come se non mi avessi preso abbastanza per il culo, quei cretini dei miei amici hanno ricevuto tanti di quei regali che non stavano nella loro camera!!! Ti chiedo, per favore, di non osare reinfilare il tuo grasso culone nel mio camino il prossimo anno. Te la faro’ pagare: tirero’ sassi alle tue stupide renne e le spaventero’ tanto che scapperanno e dovrai andare a piedi col tuo culone fino alPolo Nord, cosa che dovrei fare anch’io (visto che non ho avuto la bici) per venirti a dire: VAI A FARTI FOTTERE, BABBO NATALE!! Il prossimo anno scoprirai come potro’ essere davvero cattivo. Cordiali saluti, Pierino.