Dante e Virgilio girano per l’Inferno

Dante e Virgilio girano per l’Inferno. Arrivano al girone dei sodomiti dove si vedono i dannati che camminano sulla sabbia infuocata sotto una pioggia di fuoco. Mentre Dante sta passando arriva un diavolone che lo piglia per il colletto e lo sbatte sotto la pioggia di fuoco. “Ahi! -grida Dante uscendo di corsa – non vedi che sono Dante?”. Ma il diavolone lo ripiglia e lo sbatte nella sabbia rovente. “Ahia! -urla Dante- diglielo tu Virgilio che io sono Dante!”. Ma il diavolone imperturbabile: “Non importa, “dante” o “prendente” la pena e’ la stessa!”.