Sul volo Roma NewYork ci sono due gay.

Sul volo Roma NewYork ci sono due gay. Arriva la notte e uno fa all’altro a bassa voce:
“Amore, ti desidero, ti prego mettimelo dietro”.
E l’altro: “Ma cosa dici, ci vedono tutti”.
Allora il primo: “Ma no, non vedi che dormono tutti?”.
“Ma no, dai…” insiste il secondo”.
“Ma siiiiii” continua il primo, e alzandosi, a voce alta fa:
“QUALCUNO HA PER CASO UNA SIGARETTA?”. Nessuna risposta.
Al che dice all’altro: “Lo vedi, dormono tutti. Dai, mettimelo dietro!”.
Il secondo si convince e comincia a possederlo. Al mattino facendo un giro per l’aereo una hostess sente un lamento provenire dal fondo, e avvicinatasi, trova uno dei passeggeri con una guancia gonfia e gli fa:
“Ma, signore, che le e’ successo?”.
E questi: “Ahhi, sa, durante la notte mi e’ venuto un ascesso al dente… che male!”. E la hostess:
“Ma signore! Poteva chiamarmi, le portavo una aspirina!”.
E il passeggero:
“Chiamarla per una aspirina? Li’ davanti un passeggero solo per aver chiesto una sigaretta, GLI HANNO FATTO UN CULO COSI’!”.