Sai, l’altro ieri ero a Venezia

Due amici si incontrano e uno dice all’altro: “Sai, l’altro ieri ero a Venezia, e dopo esser uscito di sera dall’albergo, comincio a sentire dei passi alle mie spalle. Continuo a camminare e questi passi continuano a seguirmi. Giro giro e giro e alla fine mi trovo in un vicolo cieco, allora mi giro e vedo che un omone gigantesco che ad un tratto tira fuori un cazzo lungo, enorme … e per fortuna che me lo ha messo in culo, perche’ se me lo dava in testa mi accoppava”.