Nel sottobosco un arbusto

Nel sottobosco un arbusto scosso dal vento tocca un grosso pino e si scusa: “Oh mi scusi, signor pino!”. E l’altro “Meno confidenza, chiamami Giuseppe”.