Un prete ed un tassista romano

Un prete ed un tassista romano muoiono quasi contemporaneamente e si presentano quindi insieme ai cancelli del Paradiso. San Pietro chiede al primo, il tassista: “Chi sei?”. Il tassista si presenta e San Pietro guarda nel suo librone e quindi: “Bene, entra pure, ti e’ stata riservata la camera nel nostro albergo: e’ nell’attico, con vista su tutti i beati e le bellezze dell’Universo”. Il tassista ringrazia ed entra. E’ il turno del prete che si presenta a San Pietro. Questi controlla il suo registrone e quindi gli dice: “Bene, entra. Ti e’ stato riservato un letto nella camerata multipla; sarete in dieci, ma non c’e’ altro posto”. Il prete pero’ ha qualcosa da ridire: “Ma come, al tassista camera singola nell’attico e a me una camerata! Ma non c’e’ piu’ religione! Come e’ possibile?”. E San Pietro: “Guardi che qui guardiamo ai risultati. Mentre tu preghi, la gente dorme; invece mentre il tassista guida, la gente prega!”.