Un generale si accorge che molti dei suoi soldati

Un generale si accorge che molti dei suoi soldati non sono ancora rientrati alla base. Finalmente ne arriva uno tutto di corsa e gli chiede la ragione del ritardo. Il soldato risponde: “Mi dispiace, signor Generale, ma posso spiegare. Ero ad un appuntamento, e ho fatto un po’ tardi. Sono corso alla fermata dell’autobus, ma l’ho perso, cosi’ ho affittato un taxi, ma si e’ rotto, poi ho trovato una fattoria, ho comprato un cavallo, che pero’ e’ caduto a terra morto dopo un po’. Allora ho corso per 10 Km, ed eccomi qua”. Il generale non e’ molto convinto della spiegazione, ma visto che almeno il soldato e’ arrivato, lascia correre. Poco dopo, un altro soldato arriva di corsa, anche lui con il fiatone. “Mi dispiace, signor Generale, ma posso spiegare. Ero ad un appuntamento, e ho fatto un po’ tardi. Sono corso alla fermata dell’autobus, ma l’ho perso, cosi’ ho affittato un taxi, ma si e’ rotto, poi ho trovato una fattoria, ho comprato un cavallo, che pero’ e’ caduto a terra morto dopo un po’. Allora ho corso per 10 Km, ed eccomi qua”. Anche stavolta il generale non e’ molto convinto, ma siccome e’ di buon umore non indaga oltre e lascia andare anche lui. Ma ecco che dopo un po’ arriva un terzo soldato. “Mi dispiace, signor Generale, ma posso spiegare. Ero ad un appuntamento, e ho fatto un po’ tardi. Sono corso alla fermata dell’autobus, ma l’ho perso, cosi’ ho affittato un taxi, ma…”. “Lasciami indovinare” fa il generale, “si e’ rotto”. “No, ma per strada c’erano talmente tanti cavalli morti che ci e’ voluta un’eternita’ per passare”.