Un ipnotizzatore chiama sul palco

Un ipnotizzatore chiama sul palco un giovanotto per eseguire un numero di magia. Lo fissa dritto negli occhi muovendo un pendolino e poi con un rullo di tamburi dice: “E ora giovanotto… dammi un pugno!”. Il ragazzo misura un gancio terribile e stende il povero Mago. Dieci anni dopo in ospedale il mago esce dal coma e sgranando gli occhi urla: “Ta…da! Ed ora il prossimo numero…”.