Mestieri

Barzellette sui mestieri. Barzellette su avvocati, architetti, ingegneri, dentisti e altri mestieri che ben conosciamo.

Quanti giornalisti ci vogliono

Quanti giornalisti ci vogliono per avvitare una lampadina? Tre. Uno per scrivere che e’ un ispirato programma di governo per portare la luce alla gente, uno per scrivere che e’ un diabolico disegno del governo per togliere il buio ai poveri, e uno per vincere un premio Pulitzer per aver scritto che la Compagnia Elettrica ha assunto un assassino di lampadine per rompere la lampadina precedente.

Mestieri

Un contadino riceve la visita di un rappresentante

Un contadino riceve la visita di un rappresentante di apparecchi automatici che gli dice: “Questa macchina raccoglie le olive, le sbuccia, le snocciola, le preme, ne filtra il succo, lo imbottiglia, etichetta il tutto, chiude la bottiglia e voila’ da questa parte esce la bottiglia di olio. Allora che ne pensa?”. Il contadino: “Ma… li fa li bucchini ?”. Il venditore: “No, forse lei non ha capito” e gli rispiega il tutto con piu’ particolari. “Ha capito ora?”. “Si’, si’, ma li fa li bucchini?”. Il venditore insiste: “Non mi devo essere spiegato bene. All’interno di questa macchina vi e’ un computer sofisticato, per cui questa macchina puo’ apprendere, ma sempre compiti per la quale e’ stata creata. In particolare, questa macchina … raccoglie le olive, le sbuccia, ecc, ecc. Adesso ha capito?”. “Si’, si’, ho capito, ma li bucchini li fa?”. E il venditore spazientito: “Nooo, le ho detto di nooo!! I bocchini non li fa!”. E il contadino con voce pacata: ” Ahhh, ma allora prendo le ragazze dell’anno passato!”.

Mestieri

Al bar, un contadino

Al bar, un contadino dice: “Il mio vicino ha il gallo più pigro che si possa immaginare. Ogni mattina, puntualmente, il mio si mette a cantare per annunciare al mondo intero che sta iniziando un nuovo giorno, e quello del mio vicino si limita ad annuire, in segno d’approvazione!”

Mestieri

Un agricoltore si reca in città per fare acquisti

Un agricoltore si reca in città per fare acquisti per la fattoria. Come prima cosa acquista un secchio e uno sgabello. Poi, al mercato, compra due polli e un’oca. Ma dato che è venuto in città a piedi, si chiede come può riportare alla fattoria il tutto. La venditrice gli consiglia: “Metta lo sgabello nel secchio, e tenga il tutto con la mano sinistra. Passi uno dei polli sotto l’ascella sinistra, l’altro sotto l’ascella destra e con la mano destra tenga l’oca…”. Il fattore ringrazia e si incammina. Subito incontra una gnocca pazzesca, che gli chiede un’indicazione stradale: “Oh, guardi, è semplice: al quarto incrocio a destra, e poi al semaforo a sinistra… Ma se vuole conosco una scorciatoia”. “Già, sì. E come faccio a sapere che lei non vuole approfittarsi di me, spingermi contro il muro e palpare i miei meravigliosi seni?” “Si fidi signora! Non vede come sono carico? Come potrei palparle i seni?” “Appoggia l’oca per terra e la copre con il secchio, appoggia sopra lo sgabello e io le tengo i polli!”

Mestieri

Due agricoltori stanno litigando furiosamente

Due agricoltori stanno litigando furiosamente, il fatto e’ che uno ha un toro, l’altro ha una mucca; li hanno fatti accoppiare ed e’ nato un vitello ed ora tutti e due reclamano la proprieta’ dell’animale. “Se non era per la mia mucca, non c’era nessun vitello!” dice il primo. “Si!, e te la mettevi incinta da solo!, idiota di un agricolo! ” risponde l’altro. “Ah, e’ cosi’?, allora vado da un avvocato!”. Il primo va dall’avvocato, gli spiega l’accaduto e l’avvocato risponde: “Non c’e’ problema, visto che la fattrice e’ tua, il vitello e’ senz’altro di tua proprieta’ “. Allora, rincuorato, va a sfottere il suo nemico: “Tie’!, ciapatè’o in tel cu’o!, il vitello e’ mio, dice l’avvocato!”. “Non e’ detto! (puttana miseria) anch’io vado da un avvocato!”. Anche lui va da un avvocato, il paese e’ piccolo, c’e’ un solo avvocato, il solito; gli spiega le sue ragioni e l’avvocato gli dice: “Non c’e’ problema, visto che il toro e’ tuo, il vitello e’ senz’altro di tua proprieta’ “. Tutto soddisfatto il contadino esce dall’ufficio. La segretaria dell’avvocato che aveva assistito ai due colloqui, sbotta: “Ma, avvocato!, come fa a dire a tutti e due che il vitello e’ di ognuno!”. “Signorina!, innanzitutto sia chiaro che il vitello e’ mio, ora si tratta di vedere di chi e’ la mucca e di chi e’ il toro!”.

Mestieri

Al bar un tale dice ad un amico

Al bar un tale dice ad un amico: “Come mai ti sei licenziato dal posto di lavoro che avevi al cimitero? Non ti piaceva?”. E l’amico: “No, per niente! Ovunque mi girassi vedevo scritto: “Qui riposa Tizio”, “qui riposa Caio”, “lì riposa Sempronio”… Ti pare giusto che dovessi lavorare solo io??”

Mestieri

Un giorno il macellaio va dalla polizia

Un giorno il macellaio va dalla polizia a denunciare la scomparsa di una salsiccia. Il poliziotto, un po’ sbalordito, gli dice: “Sig. Macellaio, potrebbe essere un gatto che ha rubato la sua salsiccia, non possiamo aprire un’ inchiesta per una cosa simile…!”. Il macellaio, indispettito, ribatte: “E se per caso la salsiccia fosse stata rubata da dei terroristi come sostentamento per le truppe?”. Il poliziotto a questo punto, scocciato davanti alla caparbietà del Macellaio gli dice: “Ha ragione, ma se ha di questi dubbi deve rivolgersi ai Carabinieri”. Il Macellaio deluso ma determinato replica: “Va bene, andrò da loro e avrò giustizia”. Il poliziotto contento per aver mandato via il Macellaio lo guarda mentre si gira e va via con la coda tra le gambe. Il poliziotto corre e ferma il macellaio ridendo come un matto: Non era la coda tra le gambe ma aveva la salsiccia in culo che gli pendeva.

Mestieri, Militari