Cucina

Ridere in cucina. Barzellette sugli alimenti, le ricette e la vita in cucina. Le barzellette preferite dagli chef e da chi ora nella ristorazione.

Un bambino si presenta in una gelateria

Un bambino si presenta in una gelateria e chiede al gelataio: “Ce l’hai il gelato al carciofo?”. Il gelataio risponde: “No, quel gusto non l’ho, ma ho il pistacchio, la crema, la fragola, ecc”. Allora il bambino senza dire niente esce e se ne va. La scena si ripete uguale per un mese. Il gelataio, che ci tiene molto ad accontentare i suoi clienti, decide di preparare il gelato al carciofo. Compra una cassetta intera di carciofi e passa tutta la notte per preparare il gelato al carciofo, ma nonostante i suoi sforzi non riesce ad ottenere niente di meglio di un gelato amaro e cattivo, ma per accontentare il bambino ne fa una vaschetta e la inserisce tra gli altri gusti nel bancone, aspettando che il bambino venga a prendersi il suo gelato. Se non che passa tutto il giorno, ma il bambino non si fa vedere. E’ sera, quasi l’ora di chiusura, quando il bambino arriva e fa al gelataio la solita richiesta. Il gelataio, pronto e sorridente, risponde: “Si’ !”. Ed il bambino: “Hai sentito che schifo che fa?” e se ne va.

Cucina

Uno va dal barista

Uno va dal barista e gli fa: “Buongiorno, vorrei un gelato: che gusti ha?”. Quello, con voce roca, dice: “Fragola e panna”. “Ma, scusi, che ha un po’ di raucedine?”. “No, no, solo fragola e panna…”

Cucina

Un uomo e’ a cena con amici in un ristorante

Un uomo e’ a cena con amici in un ristorante noto per il suo buon servizio e per i prezzi ragionevoli. Chiede a un cameriere le ragioni di un servizio cosi’ buono ad un prezzo cosi’ basso. “Signore, abbiamo dei consulenti molto bravi in materia di efficacia. Essi studiano ogni evento nel ristorante e ci danno delle direttive per migliorare il servizio”. Soddisfatto della risposta, il tizio continua a mangiare, quando il cucchiaio gli cade per terra. Chiama il cameriere che subito estrae la stessa posata dalla tasca del grembiule. Stupefatto, gli chiede come faccia a sapere che gli sarebbe caduto un cucchiaio. “Signore, cio’ e’ opera dei nostri consulenti. Hanno trovato che il 60% dei clienti che perdono una posata perdono un cucchiaio e, quindi, ne teniamo uno sempre in tasca”. Dopo un po’ nota che tutto il personale maschio ha una cordicella che pende dalla patta dei pantaloni. Incuriosito chiede spiegazioni. “Signore, questo e’ ancora opera dei consulenti che hanno trovato che un cameriere che lavora 40 ore settimanali perde due ore al mese a lavarsi le mani dopo aver fatto la pipi’. Allora, noi attacchiamo questa cordicella alla punta del pene, cosi’ possiamo tirarlo fuori senza toccarci. Quindi non dobbiamo lavarci le mani dopo”. “Va bene, ma come fate a rimmetterlo a posto senza toccarlo?”. “Non so gli altri, ma io uso il cucchiaio!”.

Cucina