Un uomo di novant’anni e’ seduto su una panchina

Un uomo di novant’anni e’ seduto su una panchina del parco e piange a dirotto. Gli si avvicina un giovane che gli offre il suo appoggio. Tra le lacrime il vecchio gli racconta la sua storia. “Sono innamorato di una donna di 25 anni”. “Cosa c’e’ di male?”. Singhiozzando: “Tu non capisci. Ogni mattina, prima che lei vada al lavoro, facciamo l’amore. A mezzogiorno lei torna a casa, facciamo di nuovo sesso, poi mi cucina il pranzo. Al pomeriggio, lei fa un break al lavoro, corre a casa, mi fa un bocchino, il migliore che un uomo possa desiderare…”. Il vecchio non ce la fa piu’ e comincia a piangere sempre piu’ disperato. “Io non capisco”, fa il giovane, “mi sembra che abbiate una relazione magnifica. Allora perche’ piange?”. Tra le lacrime il vecchio: “Ho dimenticato dove abito”.