Una formica

Una formica si trova, a causa di una copiosa piovuta, dalla parte opposta di un torrente e non riesce a raggiungere il suo formicaio. Si rivolge ad una zebra: “Devo guadare il torrente! Amica zebra, mi potresti portare sulla tua schiena al di la’ del torrente?”. “Neanche per idea, ho paura dell’acqua e poi, hai visto che razza di corrente!”. La formichina vede poi in lontananza un rinoceronte, si avvicina e gli chiede: “Amico rinoceronte, saresti cosi’ gentile da portarmi sulla tua schiena al di la’ del torrente?”. “Ma va a farti benedire! Non vedi che sto mangiando!”. La formichina, molto triste, si allontana, ma ad un tratto vede un elefante maestoso ed imponente e gli chiede: “Amico elefante, saresti cosi’ buono e gentile da portarmi sulla tua schiena al di la’ del torrente?”. “Certo formichina, sali pure”. L’elefante con tutta la sua possanza affronta la terribile corrente e porta la formichina sull’altra sponda. “Grazie, grazie amico elefante!”. E l’elefante: “Grazie un corno, adesso spogliati!”.