Una piccola cittadina sperduta nell’Arkansas

Tempo fa, durante un lungo viaggio di trasferimento, mi ritrovai la sera in una piccola cittadina sperduta nell’Arkansas. Ero molto stanco, così decisi di passare lì la notte. C’era un unico albergo, con poche stanze. Il proprietario si scusò, dicendomi che purtroppo l’indomani c’era la fiera delle vacche, e che aveva una sola stanza disponibile, divisa esattamente a metà da un separè, ma almeno così avrei avuto un posto sicuro dove passare la notte. Il proprietario mi chiese poi se per me era un problema il fatto di condividere l’altra metà della stanza con una coppietta in viaggio di nozze. Ma ero troppo stanco per cercare un altro posto, così non obiettai ed alla fine accettai. Tutto sommato, meglio loro che un rozzo cow boy che russa e scorreggia. Dopo una sana doccia, mi misi a letto. Mi stavo quasi addormentando quando all’improvviso udii il rumore della porta che si aprive e si richiudeva nella semistanza attigua. La coppietta, pensai soridendo. Non passarono che cinque minuti, e cominciai a udire gemiti, respiri profondi, tipici di due che ci danno dentro e ci danno che ci danno. Eh, pensai, la coppietta non perde tempo, a quanto pare. I gemiti continuarono a lungo, ed io non potevo non pensare a cosa stessero combinando quei due, dietro quel sottile separè. Fatto sta che l’idea mi eccitò molto, e fui costretto ad una sana, corroborante pippa in bagno per rimettermi tranquillo. Quando tornai, oltre la parete c’era silenzio. Bene, pensai, ora posso dormire tranquillo. Non feci in tempo a dirlo che dall’altra parte ricominciarono alla grande, respiri affannosi, gemiti… Ah, gioventù, bei tempi, pensai. Dopo venti minuti di avanti e indrè, mi ritrovai ancora in bagno. La lontananza da casa, la situazione, l’eccitazione, mah. Bene, la faccio corta, andò avanti così più o meno tutta la notte. Brevi momenti di pausa e poi via che ci davano dentro, ed io che non riuscivo a pensare ad altro che a quei due forsennati. Passai praticamente la notte in bianco, facendo spola tra letto e bagno. L’indomani mi alzai a fatica, avevo due occhiaie spaventose, ero veramente stanco morto, ma dovevo assolutamente partire così mi feci forza e scesi a pagare il conto. Di là, finalmente, constatai che regnava un silenzio ristoratore. Con gli occhiali scuri, chiesi il conto e il padrone ebbe l’insana idea di chiedermi come avessi passato la notte. “Da cani!” gli risposi io brutalmente “Come vuole riuscire a dormire con una coppietta di sposi a pochi centimetri, che ci danno dentro per tutta la notte? Uno mica è fatto di ferro…”. “Sposi?” mi interruppe sorpreso il proprietario “No, signore. Alla fine la coppietta non è arrivata, e così ho affittato la stanza ad un signore malato di asma”.