Dizionario ragionato della lingua romana.

1. ESPRESSIONI ESORTATIVE
– VATTELA A PIJA’ ‘NDER CULO DE RETROMARCIA: ti prego cortesemente di liberare questo luogo dalla tua nefanda presenza
– STAMME A ‘N PARMO DAR CULO: il tuo comportamento irritante impone che ti mantenga ad opportuna distanza
2. ESPRESSIONI VOLTE AD ESPRIMERE GIUDIZI SU PERSONE O COSE
– JE PESA ER CULO: dicesi di persona particolarmente notevolmente pigra
– È SIMPATICO COME ‘NA MANO AR CULO: dicesi di persona che ha difficoltà ad integrarsi in un gruppo
– T’HA SVAPORATO ER CERVELLO: dicesi a persona che ha detto una grossa cretinata, idiozia
– C’HAI ER NASO COSI’ LUNGO CHE NUN TE SE CHIUDE LA CARTA D’IDENTITA’: hai un naso spropositatamente grande (versione surreale)
– C’HAI ER NASO COSI’ LUNGO CHE SE DICI DE NO A TAVOLA, SPARECCHI: hai un naso spropositatamente grande (versione catastrofica)
– C’HAI ER NASO COSI’ LUNGO CHE SE ERI ‘NA PECORA MORIVI DE FAME: hai un naso spropositatamente grande (versione bucolica)
– C’HAI ER NASO COSI’ LUNGO CHE SI STAVI SU E CENTO LIRE LE DOVEVANO FA’ COR MANICO: hai un naso spropositatamente grande (versione economica)
– C’HAI ‘NA NASCA CHE DA PICCOLO TU MADRE DOVEVA PIJA’ LA MACCHINA PE VENITTE A ‘MBOCCA’: sono affascinato dalle abnormi dimensioni del tuo naso
– SEI TARMENTE BASSO CHE TE PUZZENO I PIEDI DE GGEL: La tua statura è inferiore alla media
3. MINACCE ED INSULTI
– TE SPORVERO/TE SPARECCHIO LA FACCIA: ti prendo a ceffoni sul viso
– TE PARCHEGGIO ‘NA MANO IN FACCIA: vedi sopra
– TE MISCHIO COME UN MAZZO DE CARTE/TE RIBARTO COME ‘NA COTOLETTA: rivedi sopra
– TE RIVORTO COME ‘N CARZINO/’NA CARZA/TE APRO COME ‘NA COZZA: rivedi sopra
– TE APRO COME ‘NA SDRAIO/TE CHIUDO COME ‘NA GRAZIELLA: rivedi sopra
– ME T’APRO COME ‘N DIVANO LETTO/’NA COZZA/’NA TELLINA: rivedi sopra
– TE APRO COME ‘N FIASCO DE VINO/’NA DAMIGIANA: rivedi sopra
– TE GONFIO COME ‘NA ZAMPOGNA/TE SUCCHIO COME ‘N GAMBERETTO: rivedi sopra
– TE DO ‘NA PIZZA CHE T’ARESTANO PÈ VAGABONDAGGIO: rivedi sopra
– TE ‘NFILO ‘NA MANO ‘N CULO, TE SFILO LA SPINA DORZALE E TE CE FRUSTO: rivedi sopra
– TE STACCO LE BBRACCIA E TE CE MENO: rivedi sopra
– TE FACCIO ‘N BUCO ‘N TESTA E ME TE BEVO COME ‘N’OVETTO FRESCO: rivedi sopra
– TE PIJO PELLE RECCHIE E TE SCARTO COME ‘NA GOLIA: il tuo atteggiamento mi ha irritato, per cui credo opererò un movimento rototraslatorio sulle tue estremità auricolari
– TE PIJO PÈ LI BUCHI DER NASO E T’ARIBBARTO COME LI PORPI: mi hai fatto perdere la pazienza a tal punto da spingermi a sottoporti allo stesso trattamento che subiscono i polipi (gli si rovescia la testa per ucciderli)
– TE METTO ‘N DITO ‘N BOCCA, UNO AR CULO E TE SCIAQQUO COME ‘NA DAMMIGGIANA: vedi sopra
– TE GIRO COME ‘NA TROTTOLA CHE QUANNO TE FERMI I VESTITI SO’ PASSATI DE MODA: tramite un’abrasione maxillofacciale ti procuro un movimento rotatorio durevole nel tempo
– TE FACCIO DÙ OCCHI NERI CHE SE TE METTI A MASTICA’ ER BAMBÙ TE PROTEGGE ER WWF: ti sto per fare due vistosi ematomi sugli occhi
– TE DO’ ‘N CARCIO AR CULO CHE SE PER ARIA NUN TE PORTI DA MAGNA’ TE MORI DE FAME: la potenza del mio piede e direttamente proporzionale all’irritazione dovuta alla tua presenza
– ME TE METTO ‘N TASCA E TE MENO QUANNO CIO’ TEMPO: indica disprezzo per la consistenza fisica dell’avversario
– SONA SULLA PANZA DE TÙ MADRE GRAVIDA, COLL’OSSA DE LI’ MEJO MORTACCI TUA: pesante insulto finalizzato al coinvolgimento del maggior numero possibile di parenti vivi, morti e nascituri
– T’ATTEGGI, T’ATTEGGI MA SUR CAZZO MIO NUN CE SCUREGGI: “non darti troppe arie che con me non attacca”
– FATTE LA MAPPA DE LI’ DENTI, CHE MO’ TE MISCHIO: ti prendo a ceffoni
– SI’ TE PIJO TE SDRUMO: se hai a cuore la tua salute, evita di passarmi accanto
– TE DO ‘N CARCIO AR CULO CHE TE CE LASCIO DENTRO ‘A SCARPA: il mio piede sta per raggiungere violentemente le tue natiche
– TE DO LI SCHIAFFI A DUE A DUE FINCHÈ NUN DIVENTENO DISPARI: ti faccio male all’infinito
– TE DO ‘NO SCHIAFFO CHE ‘R MURO TE NE DA’ ‘N’ALTRO: percuoterò il tuo viso con una tale forza che riceverai una spinta uguale e contraria dal muro accanto a te
– C’HAI PIÙ COMPLESSI DER CONCERTO DER PRIMO MAGGIO: dicesi di persona che si fa molti problemi inutili
– TE FICCO DÙ DITI NER CULO, TE APRO COME ‘NA BOLLETTA DER GAS E ME TE LEGGO L’INTESTINO: tramite la sodomia, voglio risvegliare l’aruspice (indovino che legge il futuro nei visceri degli animali sacrificati) che è in me
– TE METTO ‘NA MANO AR CULO E TE PORTO A SPASSO COME ‘N CREMINO: voglio dimostrare a tutti la mia superiorità nei tuoi confronti
– SONA ‘N MEZZO ALLE COSCE DE TÙ MOJE CHE CE STA PIÙ TRAFFICO: smettila di suonare il clacson della tua automobile
– M’HAI SCUCITO LA FODERA DER CAZZO: mi hai palesemente seccato
– TE STACCO LI DITI E CE GIOCO A SHANGAYE: mi hai fatto arrabbiare
4. APPREZZAMENTI ED ESPRESSIONI A SFONDO SESSUALE
– SOLO ‘N GIORNO E GIA’ È PASSATA A LI MICROFONI: dicesi di ragazza ben disposta nello svolgere particolari pratiche orali
– C’HO ‘L CRATERE CHE ME SBRODA: espressione prettamente femminile per esprimere l’intenzione di avere un rapporto sessuale con un ragazzo
– È MEJO CORTO CHE TAPPA CHE LUNGO CHE SCIAQUA: frase da rivolgere con sufficienza a coloro i quali si vantano di improbabili misure del proprio “membro”
– C’HAI ER CAZZO COLL’IMPUGNATURA ANATOMICA: sei troppo dedito a certe attività manuali solitarie
– TE FIOCINO ER CULO: frase utilizzata sovente all’inizio di un amplesso
– TE RETTIFICO LA VENA CACATORIA: ti provocherò lesioni anali permanenti
– C’HAI ‘N CULO TARMENTE BASSO CHE TE PUZZA DE PIEDI: se un giorno diventerai famosa, non sarà certo per le doti del tuo fondoschiena
– È USCITO FORI MEJO PINOCCHIO CO’ ‘NA SEGA CHE TE CO’ ‘NA SCOPATA: la natura non e stata benevola con te
– SCIAQUA ‘A SELLA CHE STASERA SE CAVARCA: cerca di avere un igiene intima accurata perché ti attende un rapporto sessuale molto intenso e logorante per lo piu rivolto ad una ragazza)
– TE CURO CO’ ‘NA SUPPOSTA DE CARNE: se non la smetti infilerò il mio membro nel tuo pertugio anale
5. ESPRESSIONI VOLTE A SOTTOLINEARE UNA PERSONALE CONDIZIONE IGIENICO-FISIOLOGICA
– C’HAI L’ASCELLA PICCANTE: hai un alto tasso di sudorazione ascellare
– C’HAI L’ASCELLA COMMOSSA: vedi sopra
– C’HO ‘NO STRONZO ‘N FORIGIOCO: devo necessariamente espletare i miei bisogni fisiologici
– C’HO ‘NO STRONZO CHE STA’ A PACCA’/POMICIA’ COR CULO/+E MUTANDE: vedi sopra
– C’HO ‘NO STRONZO CHE ME PARLA IN 7 LINGUE: vedi sopra
– A OGNI SCOREGGIA CHE SPARO C’HO ‘O STRONZO CHE ME FA CAPOCCELLA: vedi sopra
– ANDO’ STA’ ER CESSO CHE DEVO DA LIBERA’ ER PRIGIONIERO NEGRO?: potresti cortesemente indicarmi la toilette che ho un bisognino da espletare?
– STO A FA’ ‘N BRACCIO DE SCIMMIA: produrre un escremento che, per lunghezza, colore e diametro, ricorda l’arto di un primate
– C’HO ‘NA SVAMPA ‘N CANNA CHE HIROSHIMA ‘N CONFRONTO È ‘NA MICCETTA: il boato conseguente alla mia flautolenza potrebbe avere conseguenze disastrose
– FAI TARMENTE SCHIFO CHE QUANNO TE FAI LA DOCCIA LE VERRUCHE SE METTONO LE CIAVATTE: dicesi di persona poco incline alla pulizia del proprio corpo
6. I GRANDI CLASSICI
– ME PARI ER CANE DE MUSTAFA’ CHE O PIJA AR CULO E DICE CHE STA A SCOPA’: sei un individuo non molto fortunato e che non dice sempre il vero
– FAMO COME L’ANTICHI, CHE MAGNAVANO LE COCCE E CACAVANO LI FICHI: in risposta al quesito sul da farsi, chiamiamo in causa l’antica saggezza dell’Urbe
– MI’ NONNO DICEVA: MEGLIO ER CULO GELATO CHE ‘N GELATO AR CULO: non fidarti mai di chi non conosci bene
– SE TE VEDE LAMORTE, SE GRATTA: hai l’ingrata fama di iettatore
– C’HAI ‘NA SFIGA TARMENTE GRANNE CHE SE TE CASCA ‘R CAZZO TE RIMBARZA ‘N CULO: non sei una persona estremamente fortunata
– TE DEVI FA UN CLISTERE DE CERAMICA, COSI’ DIVENTI UN BEL CESSO DÈ LUSSO (citazione da Thomas Milian in “delitto al ristorante cinese): temo che tu non mi sia molto simpatico, ne’ ti reputo granché bello
– CHI S’ESTRANEA DA’A LOTTA È ‘N GRAN FJO DE’ ‘NA MIGNOTTA: colui che non prende parte di buon grado alle scorribande collettive, può andare tranquillamente a darsi fuoco
– SE ‘NVECE DER VITELLO TE DANNO ER MULO, TU MAGNA, STATTE ZITTO E VAFFANCULO: proverbio popolare indicante l’unico modo possibile per reagire alle truffe (dal film “Fracchia la belva umana”
– FIODENA (fio de ‘na mignotta): espressione dispregiativa “munita di dignità letteraria” (P. Pasolini)
– GIAMAICA (già m’hai cacato il cazzo): mi hai annoiato fino all’insopportabile
– MASTICA (ma ‘sti cazzi): la cosa non mi sfiora minimamente
– …E SI’ MI’ NONNO C’AVEVA CINQUE PALLE ERA ‘N FLIPPER: commento sarcastico relativo ad una situazione difficile a verificarsi
– ME PIACEREBBE STA’ 5 MINUTI DENTRO ‘A TESTA TUA PE’ RIPOSAMME ‘N PO’: mi ritengo particolarmente stanco
7. AGGIORNAMENTI
– TE PIO PE’ LE RECCHIE E TE ARZO COME LA COPPA UEFA: riferito a persona che non e più sopportabile
– STUCCAME ER CORNICIONE DER CAZZO: da non usare come complimento
– IN CULO TE C’ENTRA, MA IN TESTA NO: dicesi di persona con serie difficoltà di comprensione
– TE SMONTO E DO FOCO ALLE ISTRUZIONI: mi appresto ad una operazione irreversibile sulla tua persona.