Signora sull’autobus

Signora sull’autobus, passeggero strusciante da dietro. Ad un tratto la signora: “Villano, come si permette?”. “Ma… signora… veramente…”. La folla mormora. “Non faccia lo gnorri, ho sentito benissimo”. “Ahh, ma allora c’e’ un equivoco! Ecco guardi” e l’uomo estrae dalla tasca un rotolo di banconote. La Signora confusa: “Ahh, mi scusi, avevo capito male, sa, con la gente che c’e’ in giro… mi scusi!”. “Non si preoccupi, signora, non fa nulla, arrivederci”. Un mese dopo lo stesso individuo si piazza ancora dietro la stessa signora che si volta di scatto, lo riconosce e: “Opla’, ha avuto l’aumento eh?”.