Esame di Geometria

Dopo varie domande a cui lo studente non ha risposto la prof. dice: “Mi disegni una retta sulla lavagna”. Lo studente comincia, ma poi si interrompe; la prof. gli dice: “Continui e non si fermi”. Lo studente obietta: “Ma prof., la lavagna è finita!”. E la prof.: “Continua lungo tutte e 4 le lavagne… continua così lungo il muro fino alla porta… esci e continua così fino a casa!”. Variante: lo studente se ne va, continuando effettivamente a disegnare col gesso sul muro. Tutti pensano che sia un gesto di stizza ma dopo qualche minuto si sente bussare dall’altra porta dell’aula (quella opposta all’uscita dello studente). Tutti ammutoliscono: la porta si apre e entra lo studente di prima, ancora col gesso attaccato al muro (l’edificio della facoltà aveva una pianta circolare); disegna la linea finché non si ricollega a quella da lui incominciata sulla lavagna e blatera qualcosa del tipo: “C’è chi dice che estendendo una retta all’infinito si ripieghi su se stessa formando un cerchio…”.