Uscire dal convento e commettere qualsiasi peccato

Tre suore molto devote sono premiate dalla suora badessa: “Per premio della vostra bonta’ domani potrete uscire dal convento e commettere qualsiasi peccato, purche’ al ritorno me lo confessiate”. La mattina dopo le tre suore escono dal convento. La prima rientra all’una di notte, cercando di non farsi vedere dalla superiora, ma questa, che stava aspettando le tre, la blocca e le domanda di confessare i peccati. “No, suora badessa, la prego, sono troppo impuri i peccati che ho commesso!”. “Gli accordi erano che sareste state perdonate solo se aveste detto tutto”. “Io… io… ho… ho… bevuto birra, vino e tutti i tipi di superalcoolici e… e ho fumato spinelli con ogni tipo di sostanza stupefacente”. “Va bene! Hai commesso dei peccati terribili, ma ho premesso il perdono. Vai in chiesa, bevi dell’acqua santa e recita 10 rosari”. Verso le 2.00 arriva la seconda. “Cosa hai fatto questa notte?” le domanda la suora badessa. “Non posso dirlo, e’ troppo…”. “Devi dirlo, i patti erano questi”. “Ok, ho fatto sesso con degli uomini, delle donne, e con animali”. “Basta – la interrompe la superiora – ho sentito abbastanza! Da te non me l’aspettavo, ma ti perdono lo stesso: vai in chiesa, bevi dell’acqua santa per purificarti e recita 50 rosari”. Alle 3.00 arriva infine la terza suora. “E tu cosa hai combinato?” le chiede la suora superiora. “Non posso dirlo, suora badessa, la prego…”. “Avanti confessa!”. “Va bene. Questa notte io, io ho…ho…”. “Coraggio, dimmi tutto!”. “IO PRIMA DI USCIRE HO FATTO PIPI’ NELL’ACQUA SANTA”.