In una villa di Arcore

In una villa di Arcore: “Presidente, c’è un sacerdote alla porta; chiede un contributo per insegnare l’alfabeto ai bambini poveri.”. “Dagli due letterine”.