Espressioni in romanesco.

SEI COSÌ BRUTTO CHE NUN TE SORRIDONO MANCO LI SOFFICINI: Voglio esprimerti tutta la mia umana vicinanza perché immagino sia frustrante essere stato l’unico bimbo a cui i “Sofficini” non hanno sorriso. È un riferimento a un celebre spot pubblicitario.
‘N GIORNO LE RAGAZZE SCRISSERO SUI MURI “VE ‘A FAREMO PAGÀ!”. E L’OMINI J’ARISCRIVETTERO “E QUANNO MAI CE L’AVETE DATA AGGRATISE?”: Caratteristica espressione metropolitana per esprimere tutta la solidarietà maschile verso il gentil sesso.
VATTELA A PIJÀ ‘N DER CULO TE E TUTTO L’ARBERO GENEALOGICO TUO, DA ‘A RADICE ALLA CHIOMA: Ti esorto ad andare per la tua strada con la compagnia di tutta la tua stirpe
HAI VISTO PIÙ COMETE CHE FREGNE: Le ragazze, da sempre, proprio non ti considerano
SEI COSÌ CORNUTO CHE SI TE VEDE ‘N CERVO VA ‘N DEPRESSIONE: Il destino ha voluto che le tue donne ti fossero costantemente e ostinatamente infedeli
SEI TARMENTE BRUTTA CHE BISOGNA GUARDATTE CO’ ‘R DECODER: Sei così brutta che per avere un’immagine decente di te bisogna usare un decoder simile a quelli necessari per i canali Tv satellitari
TE DO ‘NA PIZZA CH’ER TELEFONINO TUO DA FAMILY DIVENTA ORFANY: Mi sto accingendo a picchiarti in maniera alquanto violenta
QUELLA È LA TU’ RIGAZZA, O TE C’HANNO VOMMITATO ACCANTO?: Complimenti: a tua ragazza, ammesso che sia una ragazza, non passa certo inosservata
CHE DIO CE LA MANNI BÒNA E POSSIBBIRMENTE SENZA MUTANNE: Tipico ugurio di buona fortuna. Spesso utilizzato in casi di estrema necessità
È USCITO FÒRI MEJO PINOCCHIO CO’ ‘NA SEGA CHE TE CO’ ‘NA SCOPATA: È mia opinione che Geppetto abbia ottenuto risultati migliori con una banale sega da falegname, che i tuoi genitori con un fecondo e prolifico rapporto sessuale
TRA TANTI SPERMATOZOI TU’ MADRE HA SCERTO PÒPO ER PIÙ COJONE: Violenta espressione offensiva che denota la stupidità genetica della persona con cui si sta parlando
SEI COSÌ BRUTTO CHE SI LANCI ‘N BOOMERANG QUELLO CE PENSA DU’ VÒRTE PRIMA DE TORNÀ ‘NDIETRO: La tua bruttezza non lascia insensibili nemmeno gli oggetti inanimati che si guardano bene dallo stare a stretto contatto con te
MA AR POSTO DER DNA CHE C’HAI ‘A CATENELLA DER CESSO AROTOLATA: La tua natura più interiore ha radici genetiche riconducibili a qualcosa di poco nobile
JE STO A SCUREGGIÀ A BANDA LARGA: Analogia con il mondo delle telecomunicazioni: lo stato di indisposizione che genera flautolenze è tale da paragonarlo alle connessioni a Internet superveloci
È LA TU’ RIGAZZA O STAI A FA’ VOLONTARIATO?: Ti confesso di non condividere pienamente le tue scelte in materia sentimentale
FATTE ‘A MAPPA DE LI DENTI, CHE MO’ TE LI MISCHIO: Ti sto per picchiare al volto
ME SO’ BUTTATO SUR LETTO COME INZAGHI IN AREA DE RIGORE: Essendo veramente stanco mi sono letteralmente buttato sul letto. Molto efficace il riferimento con il mondo calcistico
SEI TARMENTE PIATTA CHE DE REGGISENO NUN C’HAI ‘A PRIMA, MA ‘A RETROMARCIA: La taglia del tuo reggiseno non può essere misurata con le unità di misura convenzionali a causa della totale assenza di seno
TE FACCIO PASSÀ ‘N MEZZO A ‘N INCROCIO DE SCHIAFFI CHE NUN SAI MANCO A CHI DEVI DA’ ‘A PRECEDENZA: Ti percuoterò pesantemente
SEI COSÌ BRUTTO CHE TU’ MADRE, QUANN’ERI REGAZZINO, TE METTEVA NER PASSEGGINO E SE VERGOGNAVA TARMENTE TANTO CHE TE MANNAVA ‘N GIRO CO”R TELECOMANDO: La tua bruttezza è tale da spingere i tuoi genitori a non riconoscersi come tali
ARIVI COME ‘N RUTTO DOPO ‘NA SPRAIT!: Ti stavamo proprio aspettando. Si noti che il breve lasso di tempo che intercorre tra il bere la famosa bibita “Sprite” e l’emissione del fatidico “rutto” viene equiparato alla sbrigatività di colui che sopraggiunge
SEI TARMENTE GRASSA CHE SUR CELLULARE ‘NVECE DE “TIM” T’HANNO SCRITTO “TIR”: Non sei affatto simile ad una top-model. Ti consiglio pertanto di fare una bella dieta
SEI TARMENTE BRUTTO CHE L’OSTETRICA QUANNO SEI NATO ‘NVECE DE DA’ ‘NO SCHIAFFO A TE, L’HA DATO A TU’ MADRE: Dicesi di persona non propriamente di aspetto gradevole
SEI COSÌ STUPIDO CH’ER CÒRE TUO SE STA A DOMANNÀ SE VALE ‘A PENA DE POMPÀ TUTTO QUEL SANGUE AR CERVELLO: È inutile che ti sforzi in quanto la tua insufficienza intellettiva non può essere colmata in nessun modo
QUANNO È GIORNATA DA PIJALLO ‘N CULO ER VENTO T’ARZA SEMPRE ‘A CAMICIA: Se la giornata nasce sotto una cattiva stella è inutile ribellarsi al destino che l’avrà sicuramente vinta
AHÒ, MA CHE TE SEI MAGNATO LE UNGHIE? C’HAI L’ALITO CHE GRAFFIA!: Dovresti porre maggior attenzione nell’igiene orale
C’HAI LE TETTE CHE TE FANNO “BANGI-GIAMPING”: Hai il seno totalmente calato; in gergo metropolitano è anche detto “a recchie de cocker” per la sua similarità con le orecchie della nota razza canina
SPERO CHE DOMANI MATINA TE SVEJA SAN PIETRO: Spero che tu muoia al più presto
A PINOCCHIO, GIRATE DA ‘N’ARTRA PARTE CHE ME STAI A CECÀ: Stai mentendo spudoratamente
SEI TARMENTE BRUTTO CHE QUANNO TU’ PADRE T’HA PORTATO ALLO ZOO J’HANNO DATO DU’ ELEFANTI DE RESTO: La tua bruttezza è notevole e non riesco a guardarti nemmeno per un attimo
MA CHE C’HAI ‘N GRATTA&VINCI NELLE MUTANNE?: Elegante perifrasi da rivolgere a persona eccessivamente dedita allo smucinìo delle proprie zone erogene