Un mago in un teatrino di periferia

Un mago in un teatrino di periferia: “Signore e signori, questa sera faro’ un numero mai provato prima. Mi faro’ dare una martellata in testa con una mazza di ben 5 Kg da uno spettatore senza che mi accada nulla”. Gli spettatori sono un po’ perplessi. Il mago invita sul palco uno spettatore molto robusto: “Venga! Prenda questo martello e mi colpisca in testa con tutta la forza che ha!”. “Ma… veramente io… ho paura di farle del male”. “Le ho gia’ detto che lei non mi fara’ niente, si fidi, sono un mago”. Lo spettatore afferra la mazza e assesta un violento colpo in mezzo alla fronte del mago che cade a terra in una pozza di sangue. Si chiamano i soccorsi e viene portato subito in ospedale nel reparto rianimazione. Il mago e’ in coma e il suo EEG e’ quasi piatto. Passano i mesi ed il mago permane nel suo stato comatoso. Una mattina la donna delle pulizie nota un sussulto nell’EEG. Chiama subito i dottori che accorrono in massa: “Oh mio Dio, si sta risvegliando dal coma! Non ci speravamo piu’!”. Il mago si alza di scatto a sedere sul letto e fa: “ET VOILA’ !!”