Un cacciatore di leoni racconta la sua ultima

Un cacciatore di leoni racconta la sua ultima, terribile avventura: “Ero solo nella jungla e senza munizioni. All’improvviso un leone mi salta davanti e mi ringhia contro. Con un balzo lo evito e comincio a correre a perdifiato. La belva non rinuncia, capendo che dovevo essere indifeso, e comincia ad inseguirmi minacciosa. Nella speranza di trovare rifugio da qualche parte prendo un sentiero che non conosco ma dopo qualche metro mi ritrovo in una zona brulla e sassosa, nessun riparo in vista e il leone sempre dietro. Il leone era ormai a pochi metri quando scivola e io riguadagno terreno. Purtroppo dopo un po’ mi ritrovai sul ciglio di un burrone senza via di scampo. Mi voltai pronto a morire vendendo cara la pelle, quando mi accorgo che il leone continua a scivolare ad ogni passo. Proprio all’ultimo balzo atterra male e si rompe la testa contro un sasso… una vera fortuna”. “Uhh – fa un altro cacciatore – al tuo posto io me la sarei fatta addosso!”. “E secondo te, su cosa e’ scivolato il leone?!”.